Home page
venerdì 22 novembre 2019  -  Fai diventare questo sito la tua Home Page  Aggiungi questo sito tra i tuoi preferiti  Contattaci 
Home page


Torna alla home page > Don Clemente Maria Rebora > La Vita > Clemente Rebora - Cenni Biografici 3

Clemente Rebora - Cenni Biografici 3
(1921 - 1931)

Clemente Maria Rebora
Cenni Biografici

Estratto da: C. Rebora, Il Segreto di A. Rosmini, a cura di C. Giovannini
 

1920 (o 1921?)

Da Canza di Val Formazza all’Alpe di Devero, passo di Scatta Minoia.

Sgomento, un giorno, fra le nevi, a un passo,
tra cupe vette sotto un cielo basso,
scorsi Cristo in immagine di rupe.

1921

Da Bormio sopra S. Caterina – Cevedale – Ortles.

Berretto in capo, curvo sotto il sacco,
ansioso andando a contemplar ghiacciai,
in un mattino alpino io sfiorai
senza far cenno un alto Crocifisso.
Più oltre, avverto la testa scoperta:
ritorno, alla ricerca:
stava il berretto al piede della Croce.

1922

Il «Convegno Editoriale» di Milano pubblica Canti anonimi e la traduzione-commento di Il cappotto di Gogol (dal russo).

1922 (?) estate

Sopra S. Colombano al Lambro, fra Pavia e Piacenza (colline), nel podere del cugino Barbieri.

Unanimi cori di rane lontane,
insonni cantini di grilli vicini,
in un soffuso chiarore lunare
estroso erravo lungo una collina
espansa quasi a chioccia sopra il piano …
Rivolto a un tratto, come se chiamato,
sentii su me lo sguardo di Maria
orante figurata in una nicchia:
un intrico di rami mi costrinse
a farmi piccolino, per vederla:
ogni cosa si tacque, e fu preghiera;
mi ritrovai inginocchiato in pace.
 
 
Anno 1924

1925 (?)

Moltrasio. Casa/villa di famiglia. In barca, fra Blevio e Torno. Non apparizione vera e propria, ma intuizione del Creatore.

Tutto era irraggiamento al solleone:
cullato in barca stavo in mezzo al lago:
svanì il creato e apparve il Creatore.

1927 marzo

«Il Convegno» (Milano) pubblica Versi

1928

A proposito delle conferenze al pubblico:

Quasi maestro agli altri mi porgevo;
ma qualcosa era dentro me severo:
Ferma il mio dire, se non dico il vero.
 
 

Giugno

Ultima conferenza dell’anno alla Scuola Martignoni. È invitato a proseguire in ottobre e a parlare del cristianesimo.

Estate

Preparazione alla conferenza sul cristianesimo. Tra le mani, la prima volta, gli Atti dei martiri scillitani («su questo posso dir qualcosa, perché lo sento»).

Autunno

La notte precedente la conferenza, cardiopalmo. il battito: «No! no! no! no!».
E un giorno – nel salon pieno quant’occhi! –
il discorso iniziato venne meno
in una turbazion vicina al pianto:

la Parola zittì chiacchiere mie.
La Provvidenza sue vie dispose:
mi fece attento a Pietro e alla sua Chiesa;
dei martiri la Fede venne accesa.
In via Tadino 3.

Il Signore prepara, e poi dà il via.
Nell’ora che la notte figlia il giorno,
furtivo, accoccolato al terrazzino,
in un pensoso incanto, a mirar stetti
te, sfavillante stella del mattino:
brillavi, lì vicino, sopra i tetti:
la non appresa preghiera in me pregando
io ti chiamavo già come Maria.

1929 - 11 febbraio

Bisogno di ascoltare la voce del Papa. Per la prima volta legge «L’Osservatore romano». Il cardinale Schuster preconizzato arcivescovo di Milano.

 

1929 - 11 febbraio

Bisogno di ascoltare la voce del Papa. Per la prima volta legge «L’Osservatore romano». Il cardinale Schuster preconizzato arcivescovo di Milano.

15 agosto - 8 settembre

Moltrasio. Riassume i cinque volumi degli Atti dei martiri.

Ivi. Compleanno paterno. Clemente Si scusa di dover partire per Milano, «per impegni» (era per assistere all’entrata solenne del cardinale, quale arcivescovo di Milano). Arrivato, in ritardo, subito in Duomo. Effluvi di Vespri ultimati. Da Adelaide Coari. Vi conosce la maestrina Ezilde Carletti, umbra, che si fa vittima a Dio per lui («c’e’ bisogno di un sacerdote»).

Intanto c’era chi per me invocava;
c’era l’offerta di una generosa;
salvato a pezzettini di preghiera

Anno 1929
 
Milano: Chiesa di S. Alessandro dove il 24
novembre 1929 Rebora riceve dalle mani del
beato card. Schuster l'Eucaristia

Settembre - ottobre

Milano. Passi pratici. Don Portaluppi (per Adelaide Coari), il padre provinciale dei Carmelitani, mons. Angelo Roncalli (per A. Coari), il card. Schuster (accostamenti). 24 ottobre: dal cardinale. Questi a Rebora: «È sulla soglia. Entri!». Fissato per dopo.

24 novembre

Milano. Chiesa di S. Alessandro. Festa di S. Giovanni della Croce. Prima confessione e prima comunione. A 44 anni.

  

1930 maggio

È cresimato dal card. Schuster in Duomo, padrino don Portaluppi, prevosto di S. Maria del Suffragio.

Giugno (?)

Via Tadino 3.

E venne il giorno, che in divin furore
la verità di Cristo mi costrinse
a giustiziar e libri e scritti e carte:
oh sì che quello fu un gran bel stracciare!
Allor che quanto m’era il più del male
ridotto fu a un lacerato ammasso,
mi sentii lieve in libertà felice.
Ed ecco repentino a me salire
dal fondo del fracasso della strada
un patetico annuncio a me ben noto:
Strascéee … – Ehi, straccivendolo! – Egli pesta
passo per passo all’ultimo scalino,
ingombra il sacco sopra la stadera:
per poco prezzo quella roba tolse.
Il cittadino accender della sera
mi ritrovò solo a ripensare il tempo:
l’anima mia, posta nell’eterno,
mestizia forse, non tristezza colse.

Estate

Monte (m. 1500) sopra Ornavasso. Baita di Piera Oliva, figlia adottiva dell’Istituto della Carità (rosminiani). Una settimana tutto solo. A messa, ogni giorno, a una piccola cappella sopra Cortevecchio (m. 1700). Il venerando vicario don Cracchi (presiedeva al Santuario del Boden) a lui: «Si faccia prete!». Grande impressione.

6 novembre

Affidato dal card. Schuster a padre Bozzetti, rettore del Collegio Rosmini di Stresa e padre provinciale, per una preparazione al seminano arcivescovile di Venegono, giunge a Stresa.
 
 
1930-1931; novembre - aprile

Al Collegio Rosmini a Stresa.

Quando, preso da Te, Signor, già pago
d’amarti tutto, pur se ancor non chiaro,
ciascun giorno salivo al tuo bel nido,
Madonna di Passera, ove è sul lago
un poggio aperto a ogni vista amena,
tu, Renatina, di tre anni appena,
giocando al suolo scarmigliata e intrisa,
spiavi lì, sulla strada, alla svolta,
l’apparir mio atteso: e ogni volta,
vivida nel visino pien di terra
con grazia ti tendevi tutta in festa;
ripreso io il cammin, guardando indietro,
con le manucce mi facevi ciao:
e quel saluto insoaviva il cuore,
quasi a me segno del divin favore.
La piccola chiesetta di Passera dove Clemente Rebora incontrava Renatina.
 
Anno 1931

1931 - 11 maggio

Riconosciuto subito inadatto al seminano, perché «vocato» allo stato religioso, dallo stesso rettore del seminano di Venegono entra, come probando, al Sacro Monte Calvario di Domodossola (noviziato rosminiano).

La tenerezza del divino Cuore,
che dal mistero Trinitario scende,
me, che da nove lustri già campavo
ma vita avevo da due anni appena,
rifece infante a scuola del Vivente.
E fui dal Ciel fidato a quel sapiente
che sommo genio s’annientò nel Cristo
onde sol Sua Virtù tutto innovasse.

[Il «sapiente» a cui allude è Antonio Rosmini]
 
 


Salva questo testoSegnala ad un amicoStampaTorna alla pagina precedente
  
 
 
    Padri Rosminiani
  Gestione sito

  Corso Umberto I, 15
  28838 Stresa (VB)
  Tel. 0323 30 091
  Fax 0323 31 623
  info@rosmini.it
  P.I. e C.F. 81000230037
www.rosmini.it - Antonio Rosmini - P.I. e C.F. 81000230037 - Ver. 1.0 - Copyright © 2019 www.rosmini.it - Disclaimer trattamento dati personali - Powered by Soluzione-web